Che libro mi metto oggi?

por Veronica

Quando la mania per lo shopping si incontra con quella per i libri, nasce Che libro mi metto oggi?. Marta Elena Casanova ci guida alla scoperta dello stile e della moda attraverso ottimi percorsi di lettura. Nel corso della nostra intervista ha dichiarato:

Devo dire che sono partita da titoli che conosco bene, che ho letto anche molti anni fa e che mi sono sempre rimasti impressi e dove sapevo avrei trovato dettagli di stile di cui volevo parlare nel mio libro. Sono partita da quelli, poi via via sono andata avanti, pensando a quale capo d’abbigliamento o accessorio avrei voluto trattare e ho fatto delle ricerche, ho ripreso testi che non prendevo da tempo, ho “studiato” molto.

femme

Tra i libri citati in Che libro mi metto oggi? abbiamo selezionato otto titoli e altrettante citazioni per continuare ad esplorare il mondo dello stile grazie alla letteratura.

279420278901567005208459

…è proprio dalle Lettere che viene fuori la Jane Austen modaiola e appassionata di vita mondana. E ancora oggi questo genere d’abbigliamento, chiaramente rivisitato, esiste. Eccome se esiste.   Non si mettono più le cuffiette, questo per fortuna, ma persistono gli abiti lunghi e colorati, il rosa, il marrone, il giallo e il bianco, le balze, le scarpette scelte con cura delle stesse tonalità; e ancora gli scialli, le spille ecc.

Tra tutti i regali elencati l’accessorio che anche in seguito torna più volte in Piccole donne è il guanto. I guanti in questo caso vengono intesi non solo come oggetti necessari a ripararsi dal freddo, ma anche come indispensabili per essere presentabili ed eleganti, specialmente nella creazione di un look per le feste, come il ballo a casa di Laurie

Oltre al fatto di poter essere bello, come quello della protagonista di Nel paese delle donne, e perciò elegante, ripara dal freddo, tiene calde le spalle e può coprire il viso, se ci si vuole nascondere da qualcuno. Lo scialle è un capo femminile, non come gli occhiali.

Ma diciamolo, Cenerentola è stata la pioniera di tutte le malate di scarpe del mondo.

femme
623513284490307627320285

Dead City, Shane Stevens, 1973 (Quanto a stile i gangster la sanno lunga).

Il piacere di D’Annunzio riporta molti dettagli di tipo stilistico, uno tra i quali colpisce per un motivo particolare. Tra la descrizione di una Roma dal “color ardesia molto chiaro, con linee un po’ indecise, come in una pittura dilavata” e l’incontro con gli amici, i soggetti di conversazione sono le donne. Magnifiche donne.

Eccola qui, la moda dandy! Nata in versione maschile, l’incarnazione della filosofia dandy balza fuori dalle righe scritte da quello che si può ritenere il vero padre di questo stile, Oscar Wilde. Il suo Ritratto di Dorian Gray, del 1891, descrive appieno quello che non è solo un modo di abbigliarsi ma più esattamente di essere…

Così, la moda degli anni ’20, complice anche l’ultima versione cinematografica, è tornata in auge. Una moda fantastica da reinterpretare in coppia, magari per un party importante, per una prima a teatro. Immaginatevi: l’uomo in smoking, perfetto e altero, e lei, con un abito morbido, con la vita appena accennata, tante perline e un’acconciatura a onde, magari con un dettaglio tra i capelli.

E se la vostra sete di stile non si è ancora esaurita, vi consigliamo di proseguire il viaggio nella moda all’interno del nostro catalogo, più precisamente nelle sezioni dedicate alla letteratura Chick lit se desiderate dedicarvi ancora alla narrativa, oppure alla saggistica con la sezione Moda.